Il menù è stato estratto da ricettari del periodo rinascimentale toscano e di quello granducale con influenze austro – ungariche.
Protagonisti :

¨ il Brunello di Montalcino 1997 ( migliore annata del secolo)

¨ la cucina toscana dei periodi rinascimentale e granducale

Gli interpreti:

Per il Brunello:

Marchesi Antinori

Villa Banfi

Marchesi De’ Frescobaldi

Siro Pacenti

Conti Costanti

Az. Agricola San Felice

Tenimenti Val di Suga

Tenuta Col D’Orcia

Per il menù:

Sergio Mei, Executive Chef del “Four Seasons” di Milano

Carlo Cracco del ristorante “Cracco Peck” di Milano

La ricerca storica del menù è stata affidata a:

Toni Sarcina

Segretario Generale della Commanderie Des Cordons Bleus De France e titolare di “Altopalato” , celebre Centro Culturale di enogastronomia e sede della più prestigiosa scuola di cucina per i gourmet di tutto il mondo.

Il menù è stato estratto da ricettari del periodo rinascimentale toscano e di quello granducale con influenze austro – ungariche.

Questa la sequenza delle portate allietate da musiche di epoca rinascimentale:

– piedino di maiale ripieno con frutta secca e radici di papavero e tarassaco all’agretto

– acqua cotta con funghi e cardo in brodo di cinghiale alle erbe di campo

– baccalà arrostito al lardo di cinta con ceci e cavolo nero

– anatroccolo farcito di piccione con insaccato di coppa al pepe

– timballo di rape all’uvetta

– pan di spezie con gelato caldo allo zabaione di vino.

Trionfo finale per tutti i protagonisti con prolungati applausi da parte dei fortunatissimi 150 ospiti della serata.

X